Cerca
  • arbi16srl

BIBIMBAP 비빔밥 ANCHE A FIRENZE!


Famosissimo piatto coreano, il bibimbap consiste in una porzione di riso con verdure miste, uovo, carne o pesce e una salsa per mescolare il tutto. Ogni elemento è cotto separatamente e posizionato sopra al cereale.




L'origine del bibimbap - riso cotto facendo evaporare l'acqua (bap) mescolato (bibim) - è oggetto di diverse speculazioni. Un'idea è quella che le persone mescolassero il cibo in una ciotola per offrirlo agli antenati come forma rituale, prima di mangiarlo loro stessi, un'altra credenza popolare sostiene che, per iniziare l'anno nuovo, le casalinghe mescolassero al riso tutti gli avanzi di cibo che avevano in casa. Potrebbe essere stato un modo tra i più semplici per servire il cibo ai contadini e agli altri lavoratori in tempi antichi, anche se sembra che durante l'epoca della dinastia Joseon il bibimbap fosse il pasto servito come pranzo al sovrano, o alla famiglia reale quando andava a corte.


Storicamente le differenze geografiche all'interno della penisola hanno portato le varie regioni coreane a prediligere specifici tipi di proteine: nelle regioni costiere del sud e dell'ovest il pesce, mentre nel nord e all'interno del paese la carne di manzo, maiale e pollo. Comune a tutto il paese invece l'utilizzo di radici, verdure e prodotti della foresta, vista la qualità montagnosa della maggioranza del terreno.



Perché il bibimbap è uno dei piatti coreani più conosciuto in Europa e negli Stati Uniti? Una delle ragioni potrebbe essere il fatto di essere un piatto “completo”, allo stesso modo di una zuppa, un piatto di pasta condito con carne o pesce o formaggi o un secondo con contorno e pane.

Un pasto coreano tradizionale è composto da riso, guk (una zuppa-salsa...un alimento liquido da bere mentre si mangia il riso), banchan (contorni vari) e Jang (salse e pesti). Tutto viene messo a tavola e mangiato contemporaneamente. Il bibimbap racchiude in un'unica ciotola un pasto completo.

Ci sono vari tipi di bibimbap. Possiamo suddividerli in base a cosa viene messo sopra al cereale, alle zone geografiche da dove derivano ingredienti speciali o ai jang utilizzati per mischiare il piatto.


Per esempio il famosissimo bibimbap di Jeonju è caratterizzato dall'uso di germogli di fagioli, fette di manzo crudo e gochujang di Sunchang. Quello di Jinju da foglie (namul) di fagioli verdi, manzo crudo marinato e gelatina di sangue, il bibimbap di Tongyeong da piante e frutti di mare come alga laminaria cruda, tunicati, alga nori e altre alghe. Il bibimbap di Haeju è noto per l'uso di kimchi (cavolo fermentato), namul (erbe e foglie edibili) e salsa di soia condita.

I jang possono consistere in gochujang, una pasta di peperoncino saporita e appiccicosa, tipica del bibimbap di Jeonju, il bibimbap di Haeju e quello di cardi vengono solitamente mescolati con salsa di soia condita, per i bibimbap con pesce crudo e interiora si utilizza chogogochujang, un pesto di peperoncino con aceto. I bibimbap con germogli di legumi, funghi o foglie di cardi vengono conditi con yangnyum-kanjang, salsa di soia condita con cipollotto e altri tipi di piante verdi. Quando si preparano bibimbap più salutari viene utilizzato anche il doenjang, una pasta di soia fermentata, e si sostituisce il riso con orzo.


Per preparare un buon bibimbap è importante utilizzare diversi elementi, che abbiano colori diversi, gusti diversi, diverse proprietà nutritive, seguendo gli insegnamenti della Teoria dei Cinque Elementi e del Yin-Yang.

A Jeonju, il posto più famoso per questo piatto, il riso viene cotto in brodo di manzo perché abbia più nutrienti, la carne cruda condita viene aggiunta per avere proteine nobili, l'olio di sesamo viene aggiunto per donare al piatto grassi “buoni”, le verdure danno vitamine e fibre, i germogli aminoacidi e fenoli. Secondo la teoria dei cinque elementi i colori hanno molta importanza: il verde (legno) aiuta il fegato a funzionare, quindi spinaci, foglie varie, cetriolo, zucca verde e altre verdure vengono inserite con questa funzione. Il bianco (metallo) aiuta i polmoni (legati all'oro come metallo), e così si usano radici di fiori, l'albume, i pinoli, rape bianche e le castagne. Il cuore viene aiutato dagli elementi di colore rosso (fuoco), quindi si utilizzano carne cruda marinata, jujube, carote, peperoni e gochujang. Le reni sono invece sostenute dagli elementi neri (acqua) come sesamo nero, funghi, felci, alga nori e altre alghe secche. Gli elementi gialli (terra) come tuorlo, germogli di soia e zucca sono buoni per lo stomaco.

Le possibilità per creare un bibimbap sono quasi illimitate.

A Pint of View offriamo tre versioni dello stesso bibimbap: una vegana, con sole verdure, una vegetariana, con uovo, una completa, con uovo e carne. Cambiamo le verdure in base alla stagione e alla disponibilità, troverete quindi sempre verdure fresche e ricche di vitamine e sali minerali. Alcune vengono scottate, altre delicatamente marinate, altre ancora cotte. L'uovo viene lasciato molto morbido, così da potersi amalgamare al meglio al resto degli ingredienti, la carne generalmente marinata e cotta. Come jang utilizziamo una salsa piccante a base di gochujang e altri ingredienti oppure una salsa a base di soia, mirin, mela e zenzero, la nostra base è sempre riso ribe cotto nella cuociriso. Non resta che venire a provarlo!











Fonti

https://gogohanguk.com/en/blog/bibimbap-history-and-culture/

http://koreancuisine.kr/en/inner.php?sMenu=C1000

https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S2352618115000268

41 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti